Ricetta pesto genovese fatto in casa

Oggi prepariamo uno dei condimenti per la pasta più conosciuti in Italia (e fortunatamente anche in tutto il mondo), uno dei più gustosi, saporiti e profumati. Vediamo insieme la ricetta del pesto genovese fatto in casa, con i giusti ingredienti e dosi corrette.

Prima di pubblicare questo articolo mi sono documentata bene, perché il vero e originale pesto genovese è formata da 7 ingredienti e rigorosamente preparata con il mortaio, a mano, come da direttive del Consorzio del pesto genovese. Tutte le varianti di ingredienti o lavorazione, danno vita a ricette che sono denominate “alla genovese”. Ad esempio l’uso dell’olio di semi rispetto all’olio d’oliva, della sostituzione di altra frutta secca al posto dei pinoli e via dicendo. Vi riporto quindi fedelmente gli ingredienti adatti, partendo proprio dal basilico, prodotto fondamentale. Quest’ultimo dovrà essere a foglia piccola e stretta ed io, sul mio balcone ne ho una buona quantità! Visto che ci siamo lasciati alle spalle la bella stagione estiva, non ho nessuna intenzione di far seccare la piantina senza averle dato una giusta e onorata “fine”. Seguitemi in cucina!

Ricetta pesto genovese fatto in casa le ricette di elisirRicetta pesto genovese fatto in casa

Ingredienti:

  • 50 gr di basilico a foglia piccola
  • 1/2 bicchiere di olio extravergine di oliva
  • 6 cucchiai di Parmigiano Reggiano
  • 2 cucchiai di Pecorino fiore sardo
  • 1 cucchiaio di pinoli
  • qualche granello di sale grosso
  • 2 spicchi di aglio

PER TUTTE LE NOVITÀ IN ANTEPRIMA, PER SEGUIRE LE MIE STORIES PASSATE SULLA MIA PAGINA INSTAGRAM!

Procedimento:

  1. Come dicevo nell’introduzione, per mantenere intatte le proprietà e il bel colore verde del basilico, l’ideale per preparare il pesto genovese è usare un mortaio di marmo.
  2. Spellate l’aglio e pestatelo, rendendolo una crema con i granelli di sale di grosso. Aggiungete anche i pinoli e continuate a pestare bene, cercando di rendere il tutto più cremoso possibile.
  3. Pulite le figlie del basilico con un panno umido, non devono essere vate sotto l’acqua! Aggiungetene poche per volta nel mortaio, sempre pestando.
  4. Aggiungete anche i due formaggi, quando avete terminato il basilico ed infine l’olio.
  5. Quando il pesto genovese ha raggiunto una conistenza cremosa, potete usarlo subito oppure conservarlo in un barattolo di vetro aggiungendo un dito di olio sulla superficie.

Come conservarlo al meglio:

  • Il pesto genovese pò essere tranquillamente congelato in monoporzioni, riducendo un po’ la quantità di olio. Basterà solo tirarlo fuori qualche minuto prima e aggiungerlo alla pasta ancora calda.
  • In frigorifero, in un barattolo di vetro ben chiuso, mettendo abbondante olio sulla superficie per non farlo asciugare troppo.

Se vi piacciono le mie ricette e volete essere sempre aggiornati sulle novità che escono dalla mia cucina, passate sulla mia pagina Facebook, lasciate un mi piace ♥ e condividete anche con i vostri amici!

A presto, Elisa.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: